Stoccolma, c’è un arresto: “Pensiamo sia l’attentatore”. Salgono a 4 le vittime, 15 i feriti

ROMA - Uzbeko, 39 anni, padre di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Uzbeko, 39 anni, padre di quattro figli, simpatizzante dello Stato islamico: è questo il profilo dell’uomo fermato dalla polizia svedese per l’attacco che ieri pomeriggio ha sconvolto il centro di Stoccolma. “Pensiamo che sia l’attentatore. Ci possono essere altre persone associate a lui, ma al momento non lo sappiamo”, hanno riferito le forze dell’ordine, negando di aver fermato una seconda persona.

Secondo i media svedesi, inoltre, fonti della polizia avrebbero parlato di un ordigno rudimentale rimasto inesploso e rinvenuto all’interno del camion. Secca però la smentita ufficiale del portavoce delle forze dell’ordine: “Non facciamo mai commenti su cose che sequestriamo”.

Intanto, arrivano anche le reazioni delle istituzioni, decise a non chinare il capo davanti l’orrore dell’attacco. “Stoccolma è una città aperta e accogliente, non ci spaventano attentati come questo”, ha affermato la sindaca di Stoccolma Karin Wanngard. Concetto ribadito anche dal primo ministro Stefan Lofven: “I terroristi vogliono che abbiamo paura, che non viviamo le nostre vite in maniera normale, ma questo è ciò che faremo. I terroristi non potranno mai sconfiggere la Svezia”. Lo stesso Lofven ha però già ordinato il rafforzamento dei controlli alle frontiere e all’interno del Paese.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»