Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

M5s contro lo stadio della Roma, Lombardi: “L’interesse è solo privato, non pubblico”

[caption id="attachment_2621" align="alignleft" width="300"] R. Lombardi[/caption] ROMA - "Nuovo stadio della Roma?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
R. Lombardi
R. Lombardi

ROMA – “Nuovo stadio della Roma? Il giochino funziona così: l’impianto costerà 340 milioni di euro, a carico dei privati e fin qui va bene. Poi ci sono altri 270 milioni da spendere per opere di urbanizzazione, per rendere questo stadio accessibile al pubblico. Di questi 270 milioni solo 50 sono a carico dei privati, gli altri 220 sono a carico dei contribuenti. Oppure, siccome il Comune non ha un euro in tasca, questi 220 milioni vengono compensati da 1 milione di metri cubi di centro commerciale e centro direzionale. Quindi il Comune fa pagare quelle opere ai privati ma gli permette di costruire intorno allo stadio un milione di metri cubi”. Così Roberta Lombardi (M5s) intervistata da Radio Cusano Campus, la radio dell’università Niccolò Cusano.
“Se invece questo spazio lo avessero pagato direttamente i privati senza compensazione- conclude- avrebbero pagato circa 500 milioni di euro di oneri concessori al Comune. Quindi il Campidoglio gli ha fatto uno sconto del 50%. Io non vedo l’interesse pubblico, ma vedo un forte interesse privato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»