Pompei, 3 mln di visitatori. Franceschini: “Simbolo straordinario dell’Italia”

Nel 2017, in un periodo di bassa affluenza, si contano già oltre i 100mila visitatori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POMPEI – “Nel 2016 i visitatori del sito archeologico di Pompei sono stati più di 3 milioni. Nel 2017, in un periodo di bassa affluenza, siamo già oltre i 100mila visitatori“. Lo ha annunciato il direttore Generale del Grande Progetto Pompei, Luigi Curatoli, durante una conferenza stampa con il commissario europeo, Corina Cretu, e il ministri dei Beni culturali, Dario Franceschini. “Pompei – ha detto – è sempre più ai vertici mondiali, nessuno potrà smentirmi se dico che è un’area archeologica unica al mondo“.

 CRETU: “3 MLN VISITATORI, OBIETTIVO RAGGIUNTO”

scavi pompeiRispetto al numero di visitatori al sito archeologico di Pompei “l’obiettivo è stato raggiunto. Inizialmente pensavamo di tornare ai livelli precedenti ai crolli causati dalla forti piogge del 2010 – 2011. Abbiamo superato quel risultato grazie a una forte cooperazione interistituzionale”. La pensa così il commissario Cretu. “Si tratta – ha spiegato – di uno dei siti storici più importanti d’Europa visitato da turisti di tutto il mondo, importante per l’economia campana e italiana”. Parlando del Grande Progetto Pompei, Cretu ha sottolineato che si tratta di “un esempio da seguire per programmazione e risultati. La Commissione Europa continuerà a seguire il Grande Pompei – ha aggiunto – non solo per l’investimento da oltre 10 milioni. Dobbiamo riuscire al 100%”.

FRANCESCHINI: SIMBOLO STRAORDINARIO DELL’ITALIA NEL MONDO

“Pompei continuerà ad essere un simbolo straordinario dell’Italia nel mondo”, dice il ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini. “Pompei è una città straordinaria a cielo aperto – ha detto il ministro -: un sito del genere non ha un giorno in cui si concludono i lavori, richiederà sempre attenzione e risorse particolari. Ci riusciremo”.

di Nadia Cozzolino, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»