Pedaggi autostrade, la protesta di 50 sindaci di Lazio e Abruzzo davanti al Mit

ROMA – Circa 50 sindaci dei comuni del Lazio e dell’Abruzzo stanno manifestando, davanti al ministero dei Trasporti a Roma, contro il rincaro, di quasi il 13%, dei pedaggi sulle autostrade A24 e A25 che collegano le due regioni.

I primi cittadini chiedono l’immediata sospensione degli aumenti e la declassificazione del tratto urbano della Roma-L’Aquila dalla barriera di Roma Est fino all’intersezione della Tangenziale

Al momento e’ in corso una riunione tra il ministro Graziano Delrio e i governatori Nicola Zingaretti e Luciano D’Alfonso. “È un aumento indecoroso, un atto offensivo verso i territori- ha detto all’agenzia Dire il sindaco di Subiaco, Francesco Pelliccia- perche’ non si possono pagare 10 euro per andare e tornare da Roma. Chiediamo che sia il governo a farsi carico del problema e se non ci saranno cambiamenti, la nostra mobilitazione proseguira’”. Sulla piazza antistante il ministero e’ in corso anche una manifestazione di Casapound.

9 Gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»