Palermo, torna in carcere il boss ‘Totuccio’ Milano

Nel 2008 Milano era stato condannato dalla Corte d'appello di Palermo per associazione mafiosa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Torna in carcere Salvatore Milano, detto ‘Totuccio’ o ‘Tatieddu’, storico appartenente alla famiglia mafiosa di Palermo Centro. La guardia di finanza ha eseguito una ordinanza del tribunale del Riesame, confermata dalla Cassazione, che ha ripristinato la custodia cautelare in carcere a carico di Milano, accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

I fatti contestati risalgono al biennio 2016-2017, quando le indagini dei finanzieri del Gico portarono alla scoperta del ruolo di Milano nella richiesta estorsiva a una nota attivita’ del centro storico di Palermo. Agli imprenditori fu chiesta una cifra tra i 500 e i mille euro per la “messa a posto” necessaria ad ottenere l’autorizzazione a esercitare il commercio nel mandamento di Porta Nuova ed evitare danneggiamenti o ritorsioni.

La Cassazione si e’ espressa favorevolmente rispetto a un ricorso presentato dalla Direzione distrettuale antimafia contro l’ordinanza del gip che il 23 dicembre aveva concesso a Milano gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Nel 2008 Milano era stato condannato dalla Corte d’appello di Palermo per associazione mafiosa in seguito all’operazione ‘Perseo’, che aveva portato alla luce il primo tentativo di ricostituzione della commissione provinciale di Cosa nostra.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»