Elezioni in Francia incoronano Marine Le Pen. Ecco la mappa dei dipartimenti

"La storia- ha detto il socialista Cambadelis- chiederà' conto a quegli elettori che hanno preferito l'estrema destra perché spaventati dagli attentati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Elezioni amministrative in Francia sotto il segno della destra estrema di Marine Le Pen: il suo Fronte nazionale (Fn) ha totalizzato oltre il 30% dei consensi al primo turno, ottenendo 47 dipartimenti- sottodivisione amministrativa delle 27 regioni- su 101 totali.

marine_lePen

Al secondo posto si attesta il centro destra dei Repubblicani di Nicolas Sarkozy, con 31 dipartimenti. Al terzo posto arriva il Partito socialista di Jean-Cristophe Cambadelis con 23 dipartimenti, che ha segnalato- in un discorso agli elettori- la bassa affluenza alle urne che deve “far riflettere tutti i partiti”.

Francia_regionali_Fonte Libération

Ma ancora piu’ importante la decisione di ritirare la propria candidatura in quelle regioni- Nord Pas-de-Calais-Picardie, e Provence-Alpes-Cote d’Azur– dove l’FN ha raggiunto le percentuali piu’ alte, a favore del centro destra di Sarkozy. “La storia- ha detto ancora il leader dei socialisti nel suo discorso- chiedera’ conto a quegli elettori che hanno preferito l’estrema destra perche’ spaventati dal dramma degli attentati”. In molti infatti stanno legando il successo di Marine Le Pen alle 130 morti di Parigi e all’aumentato allarme terrorismo dell’ultimo mese, di cui Le Pen ha fatto il cavalo di battaglia della sua campagna elettorale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»