La protesta per l’ambiente arriva sul red carpet di Venezia, Mick Jagger: “Bravi ragazzi, sono con voi”

Così Mick Jagger alla Mostra del Cinema di Venezia, durante la conferenza stampa di presentazione di 'The Burnt Orange Heresy', di Giuseppe Capotondi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono felice che i giovani protestino, sono loro che erediteranno il pianeta. Siamo in una situazione molto difficile in questo momento, specie negli Stati Uniti. Tutte le azioni messe in atto negli ultimi dieci anni per proteggere l’ambiente sono state rimosse dalla corrente amministrazione. Gli Stati Uniti erano i leader nella protezione dell’ambiente ma non lo sono piu’. Sono felice che le persone vogliano protestare ovunque, sul red carpet come in altri luoghi. Sono assolutamente con loro”. Cosi’ Mick Jagger ha commentato la manifestazione ambientalista che si e’ tenuta questa mattina sul tappeto rosso della Mostra del Cinema di Venezia.

La rock star e’ uno degli interpreti di ‘The Burnt Orange Heresy’, di Giuseppe Capotondi, film di chiusura della kermesse. Jagger e’ intervenuto questa mattina nel corso della conferenza stampa di presentazione della pellicola al Lido.

“Stiamo affrontando tempi strani adesso e- aggiunge Jagger- se si vive in tempi strani si sa che lo sono, ma non si sa che cosa accadra’ dopo. Credo ci siano cose diverse che coesistono fianco a fianco. Naturalmente in questo momento c’è inciviltà nella vita politica in tanti paesi, compreso il mio, in quest’ultima settimana in particolare. Ma questo vale anche per altri paesi come gli Usa, è un vero cambiamento rispetto a cio’ a cui eravamo abituati. Ci chiediamo dove ci porterà questa inciviltà. Questo film che parla del falso e vero si inserisce in questo dialogo moderno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»