Lazio, Rete Studenti Medi lancia il manifesto per il Next Generation

Il sit-in davanti agli istituti della regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si sono ritrovati davanti alle scuole del Lazio con striscioni e megafoni per lanciare il ‘Manifesto studentesco per il futuro della scuola’. Questa mattina, i giovani della Rete Studenti Medi, si sono mobilitati per presentare le “idee sulla costruzione della scuola del domani”, scrivono sulle loro pagine social. “Ora è il momento di ridare all’istruzione pubblica la centralità che le spetta- aggiungono i ragazzi e le ragazze in un post pubblicato su Facebook e Instagram- In questo mese ci siamo chiesti qual è il futuro che la politica sta pensando per noi. E abbiamo pensato di rispondere. Da settembre ci interroghiamo sulla scuola che vorremmo e il Next Generation rappresenta lo strumento che ci può permettere di raggiungere gli obiettivi che ci siamo dati”. “Bisogna ripensare alla scuola dalle sue fondamenta e far sì che la nostra voce raggiunga chi ha la responsabilità di portare un reale cambiamento al nostro paese– continuano i giovani della Rete studenti Medi del Lazio- Serve sfruttare l’occasione del Next Generation Eu per costruire la scuola che vogliamo. Una scuola che ci dia spazio, che sia a misura di noi studenti e studentesse, che ci insegni ad essere consapevoli e ci consenta di formarci come vogliamo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»