Droga. Gasparri: “Non escludo azioni legali contro Madonna”

ROMA - “Valuterò con i legali cosa dirà esattamente, ma se
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

madonnaROMA – “Valuterò con i legali cosa dirà esattamente, ma se nell’intervista che andrà in onda su Rai Tre domani Madonna dovesse ripetere quanto ha detto sui giornali nei giorni scorsi, cioè che è favorevole all’uso di droghe da parte dei suoi due figli, non escludo che possa denunciarla perché in Italia la propaganda di droghe è proibita”. Lo ha annunciato Maurizio Gasparri intervistato da Klaus Davi per il programma KlausCondicio, in onda su You Tube.

“Sono uscite alcune anticipazioni della puntata. Non so se parlerà anche di questo, ma se lo dovesse fare ricordo che la propaganda della droga è un reato – sottolinea il senatore, che prosegue – Minimizzare i danni della droga è contro le leggi. Ci sono norme di legge risalenti agli anni novanta che vanno a sanzionare comportamenti di questa natura perché si ritengono molto pericolosi socialmente personaggi che possono influenzare i giovanissimi e incentivarli all’uso di droghe”. E alla domanda di Klaus Davi “anche se si limitasse a promuovere la marijuana?” Gasparri ha precisato: “Non ci sono droghe moderate, le droghe fanno tutte male, nella cannabis ci sono principi negativissimi. Madonna si è dimostrata una cattiva madre nel promuoverle. Se la cosa avrà un riverbero non escludo di denunciarla. Dipende da quello che dirà. Valuterò con gli avvocati l’articolazione dell’intervento”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»