Basilicata, Polese annuncia mozione per l’area marina protetta di Maratea

Il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata, Mario Polese chiede la convocazione di un tavolo con l'amministrazione comunale, le associazioni e la Regione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Si faccia, tutti insieme, l’ultimo sforzo per portare a compimento il percorso iniziato negli anni ’90 per l’istituzione dell’Area marina protetta della costa di Maratea”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale della Basilicata, Mario Polese (Italia Viva).

Per Polese l’annuncio da parte del ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Sergio Costa, di stanziamento di 2 milioni di euro per quattro aree marine protette italiane, tra cui appunto la lucana Maratea, “offre un’evidente accelerata a quel progetto fortemente rilanciato da Legambiente e dall’ex sindaco di Maratea, Domenico Cipolla, e da me sostenuto – afferma Polese – con convinzione nella scorsa legislatura regionale”.

Il consigliere ricorda l’impegno dell’ex governatore Marcello Pittella che, “da presidente della Regione, fece approvare dalla Giunta, nel febbraio 2016, la delibera propedeutica alla procedura ministeriale. Negli scorsi anni però – rileva – nonostante le nostre sollecitazioni, il ministero non si mosse. Va dato atto pertanto al governo nazionale in carica di aver saputo bene interpretare un’istanza importante che arrivava dal nostro territorio”.

Polese annuncia una mozione in merito, chiedendo di “destinare ulteriori risorse al fine di attualizzare gli studi e costituire nella sostanza quella che per ora è una azione formale”. Dal consigliere anche l’impegno a “chiedere al ministro Costa la convocazione di un tavolo sul tema con l’amministrazione comunale, le associazioni e la Regione per completare con l’assenso di tutti questa straordinaria opportunità per Maratea e tutta la Basilicata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»