Grave fenomeno dei Neet, ripartire dalla Buona scuola

ROMA - "Il fenomeno dei neet non è migliorato negli ultimi anni. Purtroppo siamo molto lontani dalla media
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il fenomeno dei neet non è migliorato negli ultimi anni. Purtroppo siamo molto lontani dalla media europea ed impressionante sono i 600mila ragazzi che ci perdiamo per strada a scuola. Partiamo quindi dalla dispersione scolastica e da una buona scuola che davvero introduca al lavoro”.

A dirlo all’agenzia DIRE e’ la componente della commissione Cultura e Istruzione della Camera dei Deputati, Milena Santerini, a margine della presentazione a Roma dell’indagine ‘Ghost’ sui neet in Italia. Secondo la Santerini, “La riforma ‘La Buona scuola’ ha molte misure e più o meno tutte riguardanti i temi in oggetto: l’alternanza scuola lavoro, la scuola aperta, la stabilizzazione degli insegnanti. Manca però- ha concluso- che ci concentriamo tutti su un unico obiettivo: non uno di meno a scuola”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»