Vietnam, visita di Hollande per il rilancio dei rapporti economici

Al centro degli incontri anche la cooperazione in tema di sicurezza e infrastrutture
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

hollandeROMA – Stamani il Presidente Francois Hollande si e’ recato in Vietnam per una visita di due giorni. Scopo del bilaterale, rilanciare il dialogo politico, la cooperazione economica e in tema di sicurezza marittima. L’espansionismo della Cina nel Mare cinese infatti preoccupa Ho Chi Min e la spinge a cercare nuove alleanze.

Secondo ‘Radio France internationale’, il viaggio e’ anche occasione per la firma di alcuni accordi commerciali, uno dei quali prevede la vendita di una trentina di Airbus A320 e A321, oltre a una dozzina di esemplari dell’ultimo modello prodotto, l’A350.

Previsto anche un accordo per ampliare la rete autostradale. Infine, slancio all’insegnamento del francese, considerato elemento necessario per rafforzare i rapporti sul lungo periodo. Il Presidente Hollande ha poi affermato: “Abbiamo firmato degli accordi molto importanti nel campo dell’aeronautica”.

“Ringrazio il Presidente di avermi dimostrato fiducia- ha aggiunto Hollande- cosi’ come le imprese vietnamite. Faremo in modo che d’ora in poi le relazioni siano sempre piu’ frequenti”. Il legami economici tra questi due paesi sono peraltro gia’ forti: 200mila francesi si recano per turismo nel paese asiatico ogni anno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»