Governo, Bevilacqua: “Draghi, in futuro più attenzione al Brasile”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Cosa è mancato nel discorso di insediamento di Draghi? E’ stato certamente di ampio respiro, ha ripreso l’indole del nostro Paese su alleanza atlantica, cooperazione nel Mediterraneo e buone relazioni con la Russia visto non come nemico ma alleato esterno. Forse è mancata però un’attenzione all’America Latina, specialmente al Brasile che insieme alla Colombia è l’unico Paese importante di quell’area“. Lo dice Nunzio Bevilacqua, giurista d’impresa ed esperto di economia internazionale, intervistato dall’agenzia Dire. “Il Brasile avrà tanto da dire nei prossimi venti anni su materie prime e cooperazione internazionale”, aggiunge.

VACCINO. BEVILACQUA: STOP PREGIUDIZI GEOPOLITICI, È LOTTA MONDIALE

“Sui vaccini non bisogna avere pregiudizi e pensare di fare approvvigionamento solo con quelli di determinate aree geopolitiche, sarebbe una grande schiocchezza. Vaccino e lotta al covid sono temi mondiali, bisogna approvvigionarsi con tutti i vaccini valutati come non dannosi ed efficienti“, continua Nunzio Bevilacqua.

“C’è un problema anche di logistica- sottolinea- bisogna a questo punto calendarizzare e fare una giusta agenda, quasi militarizzata delle vaccinazioni. Sta già avvenendo in molti Paesi e mi auguro che avvenga anche qui con la linea tracciata da Draghi”.

COVID. BEVILACQUA: RILANCIO TURISMO CON PASSAPORTO SANITARIO

Come se ne esce dal crollo delle vendite al dettaglio causa covid? “Pensare che tutto il mondo del turismo e del commercio di prossimità possa essere sostenuto con l’informatizzazione è paradossale e assurdo”, aggiunge Nunzio Bevilacqua.

“Quanto avvenuto- spiega- ha consentito un’accelerazione di un processo che c’era già stato prima del covid ma non si potrà mai arrivare al 100%. Alcune attività per natura non potranno trasformarsi in online. Per il turismo si può pensare a meccanismi tipo il passaporto sanitario e le zone covid free, il commercio invece non si può snaturare”, conclude Bevilacqua.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»