Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Maltempo: non solo disagi, scongiurato rischio siccita’

oldiretti: "Po salito di 2 metri in un giorno e laghi tornati a normalita’"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Po_fiume

Il fiume Po è salito di 2 metri in un solo giorno a Piacenza mentre i grandi laghi, dal Maggiore al Garda fino a quello di Como si è rapidamente alzati raggiungendo i livelli medi del periodo, dopo il preoccupante svuotamento dei mesi scorsi provocato dall’assenza di precipitazioni. E’ quanto emerge dal monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell’ondata di maltempo che con pioggia e soprattutto neve aiuta a ripristinare le riserve idriche contro il rischio siccità.
Non ci sono dunque solo i disagi provocati alla circolazione nelle grandi arterie ma soprattutto nelle strade interne di campagna dove sono stati costretti ad intervenire addirittura i trattori della Coldiretti per togliere dall’isolamento case ed aziende e garantire la viabilità anche le consegne di prodotti freschi come ortofrutta e latte. L’ondata di maltempo ha portato molta neve che rappresenta – sottolinea la Coldiretti – una importante e duratura scorta d’acqua anche perché si scioglie gradualmente ed evita danni idrogeologici.

Ma la neve – precisa la Coldiretti – opera anche come cuscinetto termico proteggendo le piante dal rischio di gelate anche se rende i terreni inagibili ai mezzi agricoli e provocherà un ritardo nelle semine di questo periodo. Le copiose precipitazioni – continua la Coldiretti – hanno anche innalzato e riportato alla normalità il livello dei laghi con lo stato di riempimento del Maggiore che è al 52% (era al 15% un mese fa) mentre il lago di Como è al 31% (era al 13%) e quello di Garda al 58% (era al 34%). La neve – precisa la Coldiretti – è una scorta importante per garantire gli afflussi idrici determinanti per lo sviluppo dei raccolti agricoli nei prossimi mesi.

A preoccupare – sostiene la Coldiretti – sono le precipitazioni violente e soprattutto la grandine che provoca danni irreversibili alle coltivazioni il cui sviluppo è stato anticipato dalle condizioni climatiche particolari dell’inverno.
Siamo di fronte – conclude la Coldiretti – agli effetti dei cambiamenti climatici che in Italia si manifestano con ripetuti sfasamenti stagionali ed eventi estremi anche con il rapido passaggio dalla siccità all’alluvione e pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro a causa delle bizzarie del tempo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»