Giornale radio sociale, edizione del 6 febbraio 2020

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SOCIETA’ – Fucina di idee. Sarà inaugurato domani, alla presenza del Capo dello Stato, l’anno di Padova Capitale Europea del Volontariato. Ascoltiamo il servizio di Anna Monterubbianesi: “Ricuciamo insieme l’Italia”, è il titolo della manifestazione ed il filo conduttore di tutti gli eventi in programma, per tutto il 2021 a Padova, prima città italiana a ricoprire il ruolo di Capitale Europea del Volontariato. Una sfida importante che la città ha saputo cogliere, trasformandosi in una città-laboratorio di respiro nazionale, capace di attrarre idee, avviare progetti tangibili di lungo periodo, capaci di incidere sul welfare di comunità, sul volontariato civico, sui rapporti di partnership profit-non profit favorendo ricadute positive non solo sul territorio, ma anche per il Paese e per l’Europa. Volontariato, sviluppo sostenibile, partecipazione, cittadinanza, giovani, dimensione internazionale saranno solo alcuni dei temi al centro dei numerosi appuntamenti per raccontare un’Italia diversa. Dove le istituzioni sono più presenti, il volontariato è più forte e innovativo perché può concentrarsi su progetti mirati. È incentivando queste condizioni che il modo di pensare e praticare il volontariato può evolvere.

INTERNAZIONALE – Basta barbarie. 125 milioni di donne nel mondo hanno subito mutilazioni genitali: oggi è la Giornata Internazionale per la tolleranza zero verso questa pratica bandita dalle Nazioni Unite ma ancora praticata in circa trenta paesi del mondo. Eliminarla per sempre è uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile per il 2030: una battaglia difficile ma necessaria per fare in modo che non accada più

ECONOMIA – Medicina per tutti. Accesso alle cure per persone in condizione di povertà sanitaria e per contrastare le nuove dipendenze. Sono questi i due focus del nuovo Bando Socio Sanitario promosso dalla Fondazione Con il Sud che per l’occasione mette a disposizione 4,5 milioni di euro. Il bando, giunto alla sua quarta edizione, è rivolto agli enti di terzo settore e agli enti pubblici socio-sanitari del Sud Italia e scade il prossimo 17 aprile

DIRITTI – Cremona Easy to read. “Il nostro scopo è stato quello di rendere protagoniste anche le persone con disabilità intellettive nelle politiche internazionali, e far sì che diventino cittadini con delle responsabilità nei confronti della società». Lo hanno dichiarato l’ANFFAS di Cremona e la Cooperativa Ventaglio Blu della città lombarda presentando la traduzione in linguaggio facile da leggere e capire” i “17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile”

CULTURA – Finestre aperte. Sanremo2020 tra musica e parole va in scena il racconto di una società con meno amore e tanto smarrimento. Il servizio è di Clara Capponi Superate le polemiche su Amadeus, gli artisti e le soubrette, finalmente è la musica a parlare in questa settantesima edizione del festival. Anzi i testi, che mai come quest’anno abbandonano le facili metafore dell’amore per raccontare un’epoca di smarrimento come nella canzone del rapper Anastasio, che in “Rosso di rabbia” parla di un terrorista, ma in realtà racconta della parte oscura dell’animo umano. Tra i brani più sociali quello di Levante che nel suo brano sanremese mette al centro il concetto di “diversità”, espressa in varie declinazioni. Tra le nuove proposte il duo Gabriella Martinelli e Lula portano “Il gigante d’acciaio”, pezzo che nasce dalla voglia di raccontare la storia dell’ex Ilva e dei lavoratori. Non ha bisogno di molte spiegazioni il brano della promessa Tecla Insolia: si chiama “8 marzo” e celebra la forza delle donne. Per concludere il rapper Marco Sentieri, classe ’85, che porta sul palco dell’Ariston “Billy Blu” la storia vera di un ragazzo bullizzato a scuola, che si ritrova dopo svariati anni a dover salvare la vita al proprio bullo

SPORT – Moto educativo. Nelle scuole elementari di Cesena torna lo sport grazie al progetto dell’associazione Benessere in Movimento che da dieci anni promuove nei ragazzi la consapevolezza dell’importanza dell’attività fisica, sia per la salute, sia come momento formativo ed educativo. Dall’inizio dell’esperienza sono ormai quasi diecimila i bambini coinvolti grazie al lavoro degli istruttori, tutti laureati in scienze motorie

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»