Usa, sostenitori di Trump assaltano il Congresso. Mobilitata la Guardia Nazionale

Uomini armati hanno fatto irruzione al Congresso Usa bloccando la seduta che avrebbe dovuto ratificare la vittoria di Joe Biden
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “No alla violenza”, perche’ “noi siamo il Partito legge e ordine”: cosi’ su Twitter Donald Trump, presidente uscente degli Stati Uniti, dopo l’irruzione dei suoi sostenitori oggi al Congresso a Washington. “Chiedo a tutti al parlamento di essere pacifici” ha scritto Trump.

“No alla violenza; ricordate, noi siamo il Partito legge e ordine”. Migliaia di sostenitori di Trump si erano radunati a Washington in una delle manifestazione piu’ partecipate per denunciare presunte irregolarita’ alle presidenziali del 3 novembre. L’iniziativa era coincisa con il giorno nel quale il Congresso era chiamato a ratificare la vittoria del presidente eletto Joe Biden.

“Non ci arrenderemo mai, non concederemo mai” la vittoria, aveva detto oggi Trump: alle sue parole era seguito un assalto a Capitol Hill, il parlamento, dove e’ stata sospesa la seduta. Con la probabile vittoria democratica in entrambi i seggi del Senato dove si e’ votato ieri in Georgia e il rifiuto del vicepresidente Mike Pence di forzare la mano al Congresso, i giorni di Trump alla Casa Bianca sono contati. Il giuramento di Biden e’ previsto il 20. Secondo l’emittente Cnn, il vicepresidente Mike Pence, che presiedeva la seduta del Congresso per certificare la vittoria di Biden, e’ stato evacuato dal Congresso. Al sicuro sarebbe anche Kamala Harris, vicepresidente eletta insieme con Biden.

CONTRO VIOLENZE INTERVIENE GUARDIA NAZIONALE

La Guardia nazionale sta per essere dispiegata su disposizione del presidente uscente Donald Trump per contrastare le violenze al Congresso a Washington: lo ha riferito Kayleigh McEnany, responsabile stampa della Casa Bianca. “Su disposizione del presidente Donald Trump la Guardia nazionale si sta dispiegando insieme con altri servizi di sicurezza federali” ha twittato la responsabile. “Ribadiamo l’appello del presidente Trump contro la violenza e a rimanere pacifici”.

BIDEN: MINACCIA ALLA NOSTRA DEMOCRAZIA SENZA PRECEDENTI

“La nostra democrazia e’ sotto una minaccia senza precedenti che non abbiamo mai visto nella storia moderna”. Cosi’ il presidente eletto Usa Joe Biden.

“Le parole di un presidente contano- aggiunge Biden- Possano ispirare per il bene ma nel peggiore dei casi possono anche ispirare cose negative. Faccio appello al presidente Trump: deve andare adesso alla tv nazionale, in questo momento, e onorare il suo giuramento e difendere la costituzione. E chiedere che questo assedio termini adesso”.

“Le scene che stiamo vedendo- continua il Presidente eletto- non rappresentano la vera America, ma un gruppo gruppo di estremisti. Non e’ altro che caos e disordine e deve finire adesso. Faccio appello a tutta questa gente di finirla e consentire alla democrazia di andare avanti”.

“Le scene di quest’oggi- aggiunge- sono terribili ma resto ottimista. Ci sono opportunita’ incredibili. Non c’e’ mai stato nulla che non possiamo fare, se lo facciamo insieme. Io sono sicuro che Democratici e Repubblicani sono pronti a difendere la nazione e dobbiamo intervenire. Questi sono gli Usa. Non c’e’ nulla di impossibile se restiamo uniti. Quindi presidente Trump, intervenga. Che Dio benedica l’America”.

TRUMP: CI HANNO RUBATO ELEZIONI MA ORA ANDATE A CASA IN PACE

Ci hanno rubato le elezioni, lo sanno tutti, ma adesso dovete tornare a casa, dobbiamo avere pace, legge e ordine: questi i punti chiave di un messaggio video rivolto dal presidente uscente Donald Trump ai suoi sostenitori dopo i disordini a Washington. “Conosco il vostro dolore, abbiamo avuto un’elezione rubata, tutti lo sanno, soprattutto gli altri, ma ora andate a casa, dobbiamo avere pace, legge e ordine” ha detto Trump. Al termine del messaggio il presidente uscente ha detto che “nessuno si deve fare male”, ripetendo pero’ che il voto e’ stato “fraudolento”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»