NEWS:

Tg Politico Parlamentare, edizione del 5 ottobre 2023

In questa edizione: l'incidente di Mestre; Salvini contro la giudice di Catania; Meloni e l'appoggio a Zelensky; Cnel boccia il salario minimo

Pubblicato:05-10-2023 18:00
Ultimo aggiornamento:05-10-2023 18:00
Autore:

COPERTINA TG POL
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

INCIDENTE MESTRE, I PM INDAGANO: DUBBI SUL GUARDRAIL


La Procura di Venezia ha aperto un fasciolo per omicidio stradale plurimo per accertare la dinamica dell’incidente che nella notte di martedì ha portato a Mestre alla morte di 21 persone. Si procede ora contro ignoti. Le 21 vittime sono state tutte identificate. Le ipotesi principali restano due: malore dell’autista e guasto tecnico dell’autobus. Non si esclude nemmeno una manovra azzardata. Nuovi particolari emergeranno dalle indagini sulla scatola nera sequestrata. Finisce nel mirino dei pm intanto il guardrail nel tratto del cavalcavia dove il bus con i turisti stranieri è precipitato. La Procura si avvarrà di una perizia tecnica.


MIGRANTI, SALVINI POSTA VIDEO CONTRO LA GIUDICE DI CATANIA


Non si placano le polemiche dopo la sentenza del Tribunale di Catania che non ha convalidato il trattenimento di tre tunisini nel centro di accoglienza di Pozzallo, sconfessando il decreto Cutro del Governo. Matteo Salvini posta sui social un video, risalente al 2018, in cui lascia intendere che ci sia la giudice Iolanda Apostolico in mezzo ad alcuni manifestanti durante una protesta contro la polizia per chiedere lo sbarco di migranti dalla nave Diciotti. Contro la sentenza del Tribunale di Catania il ministro della Giustizia Carlo Nordio ieri ha annunciato il ricorso in Cassazione. Domani Salvini sarà a Palermo per l’udienza del processo Open Arms: in caso di condanna, rischia fino a 15 anni.


VERTICE A GRANADA, MELONI A ZELENSKY: NOI CON KIEV A 360°


Al Vertice di Granada della comunità politica europea, organizzato dalla presidenza spagnola e aperto ai paesi extra-Ue, irrompe il tema Ucraina. Dopo l’accordo di ieri sulla questione migranti, il focus si sposta sulla guerra tra Kiev e Mosca. Volodymyr Zelensky è intervenuto mettendo in guardia contro il “massiccio attacco russo” che potrebbe arrivare a tutta l’Europa “congelando la situazione fino al 2028”. Giorgia Meloni ha incontrato il presidente ucraino confermando “il continuo e convinto sostegno a 360 gradi del Governo italiano finché sarà necessario con l’obiettivo di raggiungere una pace giusta e duratura”. Zelensky ha fatto sapere che con la premier ha discusso del prossimo pacchetto di aiuti militari. Kiev punta a rafforzare la difesa aerea.



CNEL BOCCIA IL SALARIO MINIMO, PROTESTANO LE OPPOSIZIONI


Addio al salario minimo. Il Cnel presenterà formalmente le sue proposte domani ai consiglieri del Comitato, ma già emerge un orientamento che porterà alla bocciatura della soglia di 9 euro l’ora. Secondo il Cnel, per combattere la povertà lavorativa, occorre agire sulla contrattazione collettiva e sul nodo della produttività. Una tesi condivisa anche dalla premier Giorgia Meloni che, dopo un confronto con le opposizioni, a metà agosto aveva affidato proprio al Cnel il dossier. L’opposizione va all’attacco: “Facile chiedere pareri agli amici”, tuona il Movimento 5 stelle. Il Pd ricorda che il 17 ottobre la legge sui 9 euro l’ora tornerà in Parlamento e in quella sede il centrodestra dovrà dire cosa intende fare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy