Cinema. Maleficent, Angelina Jolie sarà nel sequel del film

L'attrice ha detto sì e ha confermato la notizia nei giorni scorsi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Angelina Jolie sarà di nuovo MaleficentROMA – Angelina Jolie sarà di nuovo Maleficent nel sequel del film. L’attrice ha detto sì e ha confermato la notizia nei giorni scorsi.

Angelina Jolie sarà di nuovo Maleficent: “Sarà un sequel veramente forte”

Una notizia che fa gioire i fan del film visto che la certezza che la Jolie accettasse non c’era. Nell’ultimo anno l’interprete ha accettato ben pochi ruoli, impegnata con la sua attività di attrice per First they killed my father, con i suoi problemi di salute e con quelli sentimentali. “Sono io ora quella che porta il pane a casa”, ha scherzato l’attrice parlando del suo ritorno graduale sul set. “Stiamo lavorando alla sceneggiatura e questo sarà un sequel veramente forte”, ha, poi, annunciato Angelina. Sceneggiatura a cui sta lavorando Jez Butterworth che nel suo curriculum ha film come Black Mass, Spectre ed Edge of tomorrow.

A produrre il film sarà Joe Roth, già dietro il primo capitolo uscito nel 2014. Al momento, ovviamente, non è dato sapere le tempistiche con cui la pellicola vedrà la luce. Sconosciuto anche il nome del papabile regista. Unica cosa certa sono le aspettative riguardo al seguito di Maleficent che ai tempi, prodotto con 180 milioni di dollari, era riuscito a portarne a casa ben 758 in tutto il mondo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»