A Roma da sabato a martedì vie dello shopping a numero chiuso

L'obiettivo è quello di consentire la cosiddetta 'corsa ai regali', salvaguardando al contempo la salute pubblica e il commercio degli esercenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Verranno replicati per i prossimi quattro giorni i moduli di contenimento per evitare assembramenti nelle vie dello shopping di Roma. A questi si aggiungeranno controlli rinforzati anche l’Eur e Trastevere. I moduli che prevedono controlli delle forze dell’ordine, con possibilita’ di chiusure temporanee, sono gia’ stati sperimentati negli scorsi weekend a Roma e provincia, per evitare assembramenti e trasgressioni dei dispositivi di sicurezza anti covid. A deciderlo il Comitato provinciale ordine e sicurezza che si e’ riunito questa mattina in Prefettura. All’incontro presieduto dal Prefetto Matteo Piantedosi, hanno preso parte, tra gli altri, anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi e l’assessore alla Sanita’ del Lazio Alessio D’Amato

Il Comitato ha deciso che i controlli verranno estesi, oltre alle giornate di sabato e domenica, anche a lunedi’ e martedi’, il ‘ponte dell’Immacolata’. In base alle presenze registrate negli scorsi fine settimana, si e’ deciso di ampliare la lista delle aree a rischio assembramento, – che gia’ include il Centro storico e Prati – estendendo i controlli anche alle vie dello shopping del quadrante Eur oltre che la zona di Trastevere. L’obiettivo resta quello di consentire la cosiddetta ‘corsa ai regali’, salvaguardando al contempo la salute pubblica e il commercio degli esercenti. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»