Se il ricercato si nasconde in una cassettiera. (E poi ci entra pure il carabiniere)

La compagna dell'uomo ha cercato di depistare i Carabinieri dicendo che non era in casa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – I Carabinieri avevano bussato alla porta per arrestarlo, e lui si è nascosto nella cassettiera, che era stata appositamente modificata per permettergli di nascondersi all’occorrenza. Quasi come in un film. Ad aprire la porta è andata la sua compagna, una donna di 43 anni libera professionista, che ha cercato di depistare i militari dicendo che l’uomo non era in casa. Ma ad un controllo accurato, i Carabinieri lo hanno trovato. Dentro un cassetto.

L’uomo- un 50enne di origine svizzera, disoccupato, senza fissa dimora e con precedenti di polizia per maltrattamenti in famiglia- doveva andare in carcere in base ad una sentenza della Corte d’appello passata in giudicato (e così è stato), e questa è ordinaria amministrazione. Ma la scena del ritrovamento nel cassetto dev’essere stata memorabile. Come lo è la foto ricreata dai Carabinieri (e allegata al comunicato stampa contenente la notizia) in cui si vede una mano che spunta – per l’appunto- dalla cassettiera.

L’uomo, portato alla Dozza, dovrà scontare 4 anni e due mesi. La donna è stata denunciata per favoreggiamento personale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»