‘Cheek to cheek’ nello Spazio, flyby di Rosetta sulla cometa il giorno di San Valentino

ROMA - Appena sei chilometri divideranno la sonda Rosetta dell'Esa dalla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

rosetta-ya-esta-orbita-L-TFwezHROMA – Appena sei chilometri divideranno la sonda Rosetta dell’Esa dalla ‘sua’ cometa, la 67P/Churyumov Gerasimenko. L’incontro ravvicinato è atteso per il giorno degli innamorati, San Valentino: a più di 500 milioni di chilometri  da noi si consumerà un ‘guancia a guancia’ spaziale.

Sta cominciando una nuova fase, che porterà Rosetta sempre più prossima alla sua compagna di viaggio, inseguita in dieci anni di cammino attraverso lo Spazio. Il 14 febbraio la sonda si avvicinerà in corrispondenza del lobo più grande, sorvolando la regione di Imhotep.

“Il flyby (volo radente, ndr) in arrivo permetterà osservazioni scientifiche uniche, fornendo misure ad alta risoluzione della superficie e dando la possibilità di campionare- o assaggiare o annusare- la parte più interna dell’atmosfera della cometa”, spiega Matt Taylor, project scientist della missione.

Il flyby porterà Rosetta sulla regione più attiva della cometa, aiutando gli scienziati a capire la connessione tra la sorgente di attività osservate e l’atmosfera. In particolare, gli scienziati cercheranno le zone da cui fuoriescono i gas e la polvere accelera dalla superficie e osserveranno come questi elementi si comportano a distanze maggiori dalla cometa.

Già sappiamo che la superficie della cometa è piuttosto scura, riflettendo il 6% della luce che la lambisce. Il fliby avverrà quando il Sole sarà dietro alla cometa e ciò farà sì che si possano scattare immagini prive di ombre. L’obiettivo degli scienziati è avere immagini ancora più dettagliate della superficie.

In questa nuova fase della missione avrà il via una serie di incontri ravvicinati e successivi allontanamenti, alternando grandi vicinanze e grandi distanze. Tutto per osservare meglio la cometa che potrebbe rivelarci informazioni fodamentali sulla nascita del Sistema solare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»