Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Meloni incontra Draghi: “Basta restrizioni irragionevoli, stop limiti a tavola e mascherine all’aperto”

giorgia meloni
Palazzo Chigi in una nota parla di "lungo e proficuo colloquio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alfonso Raimo e Antonio Bravetti

ROMA – “Lungo e franco colloquio con il presidente del consiglio Mario Draghi. Abbiamo portato le nostre proposte. A partire dalla limitazione delle libertà personali: continuano a esserci restrizioni assolutamente irragionevoli: dalle 4 persone a tavola, all’obbligo di mascherine all’aperto… sono prive di senso e noi chiediamo al premier di bloccarle”. Così Giorgia Meloni, dopo l’incontro con il presidente del consiglio Draghi.

“Anche Draghi ha dei dubbi sui 4 a tavola? Mi pare di si”, aggiunge Meloni. “Anche lui si rende perfettamente conto che il tema c’è. Sulle cose che hanno una ragionevolezza il presidente del consiglio è attento”.

La leader di Fratelli d’Italia, poi, ha chiesto al premier un intervento per le scuole: “Aerazione meccanica controllata a scuola. Non possiamo ricominciare con la Dad”.

“Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto un lungo e proficuo incontro a Palazzo Chigi con la presidente di Fdi, Giorgia Meloni. Durante il colloquio sono stati affrontati temi legati alle progressive riaperture, alle misure anti Covid, alla ripresa economica e sociale del Paese”. Lo comunica palazzo Chigi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»