Sensori e droni per salvare Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio ha ufficialmente iniziato il suo percorso per diventare Patrimonio dell'Umanità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Civita di Bagnoregio ha ufficialmente iniziato il suo percorso per diventare Patrimonio dell’Umanità.

Una candidatura che arriva grazie all’impegno di associazioni e istituzioni che hanno sostenuto il borgo immerso della valle dei Calanchi.

E tra petizioni, firme e appelli, quest’anno a difendere Civita di Bagnoregio arrivano anche i satelliti, i droni e i sensori di Artek, un progetto ad alto tasso tecnologico finanziato dall’Esa (Agenzia spaziale europea) con il sostegno di Asi (Agenzia spaziale italiana), e sviluppato dalla pmi laziale Nais in collaborazione, tra gli altri, con l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro.

Artek-Satellite enabled services for preservation and valorisation of cultural heritage, questo il nome dell’iniziativa, coinvolge i siti di Civita di Bagnoregio, Matera, Villa Adriana, Gianola e Baia per creare una piattaforma che raccolga tutti i dati e le informazioni arrivati dal monitoraggio continuo del terreno e delle strutture.

Nel caso di Civita di Bagnoregio, dunque, i sistemi sensoriali potranno rilevare ogni minimo movimento della terra, restituendo agli addetti ai lavori una mappatura completa del territorio e delle strutture più a rischio.

“In questo modo- spiega all’agenzia Dire Annamaria Giovagnoli, responsabile dei progetti per l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro- i risultati verranno messi a disposizione del Comune e permetteranno di pianificare interventi conservativi in modo programmato, vedendone l’efficacia nel tempo”.

Presentato lo scorso febbraio, Artek “è ancora in fase di sviluppo e per il sito di Civita di Bagnoregio abbiamo già pianificato i monitoraggi con i geologi del Museo della città attraverso una sensoristica wireless“.

Le verifiche avverranno sia sulle caratteristiche profonde del terreno che su quelle superficiali.

“Così- prosegue Giovagnoli- si potranno valutare i limiti accettabili dei movimenti del terreno, quelli che normalmente avvengono nel territorio, tarando i sensori su gradi più elevati. Quando le soglie verranno oltrepassate, i sensori manderanno degli alert”.

La sistemazione degli apparecchi avverrà il prossimo autunno, e subito dopo entreranno in azione anche i droni e i satelliti che integreranno i dati dei movimenti registrati a terra, fornendo una mappatura tridimensionale al servizio del Comune di Civita di Bagnoregio.

LEGGI ANCHE Tg Roma e Lazio,  Civita di Bagnoregio patrimonio Unesco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»