Scontro auto-scooter, via Tiburtina in tilt FOTO e VIDEO

Complici le carreggiate ridotte di una strada, la via Tiburtina, vero e proprio cantiere per i tanti lavori di ampliamento che non si sa quando avranno una fine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Un tamponamento come ce ne sono spesso, una fila di autobus fermi come non se ne vedono quasi mai. È successo questa mattina, a Roma, intorno alle 8.30 su via Tiburtina all’altezza di via Stanislao Cannizzaro, prima del civico 965, a poche centinaia di metri dal capolinea della metropolitana Rebibbia.

Uno scooterone a terra, una macchina ferma al centro della strada, una pattuglia della Polizia di Roma Capitale a fare i rilievi, questo è bastato per bloccare il traffico per diversi chilometri, in un orario di punta.

Complici sicuramente le carreggiate ridotte di una strada, la via Tiburtina, vero e proprio cantiere per i tanti lavori di ampliamento che non si sa quando avranno una fine.


“Ci hanno detto che non possiamo passare per cui siamo fermi qui”, il racconto sconsolato di uno dei tanti autisti dei mezzi pubblici costretti a fermarsi lungo il marciapiede, centinaia di metri prima dell’incidente.

Tra mezzi di Roma Tpl e quelli del Cotral, oltre una decina sono stati quelli costretti a parcheggiare lungo il marciapiede in attesa della fine del lavoro della Polizia Municipale. Pesanti le ripercussioni nelle strade adiacenti, a partire da via del Casale di San Basilio, che si trova a circa 3 km.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»