Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Proteste in Aula, sospesi 11 deputati grillini

E' la prima volta che viene sanzionata l'esposizione di cartelli nell'aula di Montecitorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

occupazione_m5s_finanzeROMA –  Tre e sei giorni di interdizione dai lavori dell’aula sono stati comminati dall’ufficio di presidenza di Montecitorio ai deputati del M5s che ieri, nel corso del question time, hanno alzato cartelli e sono scesi verso i banchi del governo per protestare contro il dlgs del governo sui mutui. Nello specifico sono stati ‘condannati’ a 6 giorni di interdizione i deputati 5 stelle Nicola Bianchi, Marco Brugnerotto e Ivan Della Valle.

Tre giorni, invece, sono toccati a Ferdinando Alberti, Francesco Cariello, Massimo De Rosa, Manlio Di Stefano, Giorgio Sorial, Danilo Toninelli, Davide Tripiedi e Alessio Villarosa.

Le misure sono state adottate dall’ufficio di presidenza con il voto di astensione della deputata M5s Claudia Mannino. E’ la prima volta che viene sanzionata l’esposizione di cartelli nell’aula di Montecitorio.

LEGGI ANCHE

Deputati M5s occupano commissione Finanze della Camera

TONINELLI (M5S): DIFENDEREMO CASA ITALIANI COSTI QUEL CHE COSTI – #LaCasaNonSiTocca. Sono stato espulso per 3 giorni per aver esposto uno striscione in difesa della prima casa degli italiani. È incredibile! Solo in un paese a testa in giù come il nostro viene cacciato chi difende i cittadini e viene riverito chi li fotte”. Lo scrive su facebook Danilo Toninelli, deputato 5 stelle. “La stessa sorte- aggiunge- è toccata agli altri portavoce che hanno partecipato alla protesta e che ringrazio. Se pensano di farci indietreggiare anche di un solo centimetro si sbagliano di grosso. Intanto ieri non gli abbiamo consentito di votare il parere a questo schifo di decreto. La nostra battaglia è appena iniziata e terminerà quando Renzi cancellerà questa norma rovina famiglie. Difenderemo la prima casa degli italiani costi quel che costi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»