Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro. Vocher, Regione stanzia altri 9,5 mln di euro

NAPOLI - La Regione ha deliberato un ulteriore stanziamento di 9 milioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

regione-campania33NAPOLI – La Regione ha deliberato un ulteriore stanziamento di 9 milioni e 500mila euro per finanziare il ‘lavoro occasionale accessorio’ (Loa) a favore di enti pubblici della Campania.

La platea dei beneficiari è stata ampliata anche a quei lavoratori che sono stati percettori di ammortizzatori sociali in deroga nell’anno 2015 e che al primo gennaio 2016 non siano più percettori di alcun sostegno al reddito. L’azione, avviata dall’assessore al Lavoro Sonia Palmieri, è rivolta a tutte le amministrazioni pubbliche, quindi a istituti e scuole di ogni ordine e grado, istituzioni educative, Province, Comuni, Comunità montane, istituzioni universitarie, Istituti autonomi case popolari, Camere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura, aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale, Aran, ed e” finanziata dai fondi del Piano di Azione e Coesione (Pac).

Saranno finanziati tutti gli enti che risultano ammissibili fino all’esaurimento delle risorse disponibili. “L’intenzione- sottolinea l’assessore Palmeri- è quella di continuare a dare una risposta, seppur parziale, a delle fasce sociali che sono in una situazione di grossa difficoltà economica”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»