Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Calabria, rinviate per Covid le elezioni regionali. Spirlì: “Al voto l’11 aprile”

"L'emergenza sanitaria che interessera' la regione nelle settimane e nei mesi a venire mi induce ad assumermi una responsabilita' ulteriore per salvaguardare la salute e l'incolumita' dei Calabresi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “D’intesa con il presidente della Corte di appello di Catanzaro, e dopo aver sentito il presidente del Consiglio regionale, gli esponenti nazionali e locali delle varie forze politiche e gli assessori della Giunta regionale, assumo la decisione di rinviare al prossimo 11 aprile le consultazioni per l’elezione del presidente della Regione e dei consiglieri regionali della Calabria. Il relativo decreto di indizione delle elezioni e’ in fase di elaborazione”. Lo afferma in una nota il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirli’, rinviando la data delle elezioni inizialmente previste per il 14 febbraio.

“L’emergenza sanitaria che interessera’ la regione nelle settimane e nei mesi a venire mi induce ad assumermi una responsabilita’ ulteriore per salvaguardare la salute e l’incolumita’ dei Calabresi. Ritengo- conclude Spirli’- che in momenti drammatici come questo non ci siano vincoli di sorta che possano o debbano impedire di poter decidere secondo buon senso e maturita’”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»