NEWS:

Lavinia Montebove, Velletri in presidio. I genitori: “Vogliamo una sentenza”

La piccola, investita nel parcheggio dell'asilo nido dopo essere sfuggita al controllo delle maestre, è in stato vegetativo dal 2018. Se venisse accordata la messa in prova alla maestra imputata, il reato si estinguerebbe

Pubblicato:02-10-2023 12:33
Ultimo aggiornamento:02-10-2023 13:57
Autore:

lavinia montebove
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp
nonne lavinia montebove
Le nonne di Lavinia

VELLETRI (Roma) – “Speriamo che il giudice non accolga questo istituto che prevede risarcimento e assunzione di responsabilità. Non c’è stato nulla di tutto questo. Lavinia va seguita ogni giorno: è una bambina in stato vegetativo di minima coscienza, non è facile garantire l’assistenza domiciliare io sono un poliziotto, la mia compagna è un vigile del fuoco. Non chiediamo né assoluzione, né condanna ma una sentenza“. Massimo Montebove, papà della piccola Lavinia, la bimba di 16 mesi travolta da un’auto davanti a un asilo di Velletri nel 2018 e da allora in stato vegetativo, in diretta a ‘Storie italiane’ nel piazzale del Tribunale di Velletri commenta così l’istituto della messa alla prova della maestra imputata su cui oggi deciderà il Tribunale. Accordarlo vorrebbe dire estinguere il reato.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Caso Lavinia Montebove, la maestra imputata chiede la messa in prova. Si rischia l’estinzione del reato

“Rivivo quella telefonata ogni giorno e ancora oggi mi terrorizza. Siamo ancora a rischio di prescrizione: 16 udienze e non abbiamo una sentenza“, conclude la mamma Lara.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy