Lavoro, dati Istat sono passo avanti ma non basta

di Maria Cristina Pisani – portavoce Psi I dati odierni dell'Istat sulla disoccupazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Maria Cristina Pisani – portavoce Psi

I dati odierni dell’Istat sulla disoccupazione giovanile, che riguardano la fascia di età compresa tra i 15 e i 25 anni, indicano un calo di due punti a gennaio, e costituiscono certamente un passo in avanti. Ma certamente questo non bastaInfatti, il dato va osservato in termini di valori assoluti: a fronte dei 30mila disoccupati in meno nella fascia giovanile, risultano 30mila inattivi in piùVa quindi evitato ogni trionfalismo, poiché l’Italia rimane tra i paesi europei in cui il tasso di disoccupazione è tra i più alti, dopo Grecia e Spagna

Per questo rinnoviamo il nostro appello alle forze politiche, al parlamento e al governo – conclude la Portavoce del Forum – affinché si dedichino alla realizzazione di politiche del lavoro, compreso il riesame di alcuni aspetti del Jobs act, per contrastare nettamente il trend della disoccupazione. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»