“Verità per Giulio”. Il Friuli V. G. aderisce alla campagna di Amnesty International

TRIESTE - La Regione Friuli Venezia Giulia ha
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sit in regeni_TRIESTE – La Regione Friuli Venezia Giulia ha condiviso l’iniziativa ‘Verità per Giulio Regeni’ proposta dalla famiglia Regeni e da Amnesty International Italia per chiedere che l’omicidio del giovane ricercatore in Egitto non sia dimenticato e si faccia chiarezza sulle cause della sua morte.
L’annuncio è dato dalla presidente della Regione Debora Serracchiani, la quale sottolinea lo sconcerto per le notizie che in questi giorni stanno giungendo dall’Egitto: “quelle sugli ultimi giorni di Giulio sono ipotesi agghiaccianti e ad esse si sovrappongono in modo inquietante le interpretazioni poco chiare se non fuorvianti fornite da taluni ambienti egiziani che non sembrano interessati alla verità“.

   “Abbiamo dunque aderito- prosegue- con convinzione e senso di giustizia a questa campagna, che sta trovando l’appoggio di numerose istituzioni non solo a livello locale, ma anche nel resto d’Italia e nel mondo. Da oggi sulla home page del sito web della Regione Friuli Venezia Giulia (www.regione.fvg.it) un banner testimonia la presenza della comunit` regionale accanto alla Famiglia Regeni”.
In questi giorni è anche in preparazione uno striscione che presto troverà posto su un eminente palazzo della Regione, a ricordare fisicamente la tragica scomparsa dello studente di Fiumicello e, ha concluso Serracchiani, “l’impellente necessità che sia fatta piena luce sulle responsabilità di chi si è macchiato le mani con un crimine così orrendo e vigliacco”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»