Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Autonomia. Cherchi (Pds): “Dopo entrate dirette, costituire Agenzia Sarda”

CAGLIARI - Una procedura che "permette la conoscenza diretta e non indiretta,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bandsardaCAGLIARI – Una procedura che “permette la conoscenza diretta e non indiretta, come fino ad ora è successo, dei tributi che i sardi versano: finisce l’era dello Stato italiano che incassa le nostre tasse e che poi a suo piacimento, con arroganza e slealmente, ci riversa“. Così il consigliere del Partito dei Sardi Augusto Cherchi, dopo l”approvazione ieri da parte del Consiglio delle norme di attuazione dell’articolo 8 dello Statuto regionale che, tra le altre cose, inverte il gettito fiscale con il riversamento diretto alla tesoreria regionale del gettito delle entrate erariali riscosse in Sardegna.

Una riforma “epocale” per il consigliere di maggioranza, che però è solo un primo passaggio “per la costruzione di una Sardegna più forte e capace di farsi Stato: ora bisogna dare gambe a queste norme e avviare quella fase fondamentale che ci porterà alla nostra Agenzia delle entrate- sottolinea Cherchi-. Il comma uno dell”articolo due dello schema di decreto legislativo pone già le basi per la creazione dell’Agenzia sarda- conclude-. Spetta ora a noi costituirla il prima possibile e completare quella fase di riforma fiscale e finanziaria iniziata più di un anno fa”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»