Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il ‘Super-Euro’ frena l’export in Usa dopo il record storico del 2017

La nuova strategia Usa 'America first' sembra avere i primi effetti in una politica monetaria aggressiva che rischia di costare caro all' Italia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Il rialzo dell’euro frena le esportazioni made in Italy negli Stati Uniti dopo che nel corso del 2017 si e’ registrato un aumento complessivo del 9% per un importo record di circa 40 miliardi di euro. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento al tasso di cambio dell’euro che ha raggiunto nei confronti del dollaro il livello massimo da tre anni.

La nuova strategia Usa ‘America first’ – sottolinea la Coldiretti – sembra avere i primi effetti in una politica monetaria aggressiva che rischia di costare caro all’ Italia.

Gli Stati Uniti – continua la Coldiretti – sono di gran lunga il principale mercato di riferimento per il made in Italy fuori dall’Unione europea con un impatto rilevante anche per l’agroalimentare. Le esportazioni di cibo e bevande dall’Italia sono aumentare del 6% nel 2017 per un totale di circa 4 miliardi di euro, il massimo di sempre.

Gli Usa – continua la Coldiretti – si collocano al terzo posto tra i principali italian food buyer dopo Germania e Francia, ma prima della Gran Bretagna. Il vino – conclude la Coldiretti – risulta essere il prodotto piu’ gettonato dagli statunitensi, davanti a olio, formaggi e pasta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»