Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lotta al cancro, al via la campagna di Afron ‘Io ci metto la faccia’

"Il cancro non va in quarantena, ne' in Italia ne' in Uganda" ricorda la presidente Titti Andriani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al via la campagna di comunicazione sui social dell’associazione Afron Oncologia per l’Africa onlus. “Io ci metto la faccia” questo il nome scelto dal direttivo dell’onlus per ricordare il lavoro svolto da Afron, l’impegno di soci e volontari, soprattutto in questo momento storico: “Il cancro non va in quarantena, ne’ in Italia ne’ in Uganda– ricorda la presidente Titti Andriani, anche se “il COVID ha preso il sopravvento su tutto”.

Un pensiero, questo l’invito dell’associazione, che faccia arrivare a tutti le motivazioni di chi ha scelto di dedicarsi a questa causa: sul campo, nelle campagne di prevenzione o qui per sensibilizzare giovani e meno giovani sulle difficolta’ dei pazienti oncologici nella terra del Nilo, come in tutto il continente africano. Un breve testo (al massimo 40 parole) e una foto potranno essere inviate entro il 4 novembre alle mail [email protected] e [email protected].

La campagna parte lunedi’ 2 novembre e vedra’ la pubblicazione di tre post a settimana sulla pagina Facebook e Instagram di AFRON fino a meta’ dicembre, e potra’ essere condivisa sui profili personali. L’invito della presidente Andriani e di tutto il direttivo Afron e’ “di metterci la faccia”, soprattutto adesso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»