In Veneto stop a fitofarmaci vicino a parchi e scuole

L'utilizzo di fitofarmaci sarà limitato specialmente nelle aree verdi aperte al pubblico come parchi e cimiteri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

pesticidi1VENEZIA – In Veneto non si potranno più usare erbicidi chimici e l’utilizzo di fitofarmaci sarà limitato, specialmente nelle aree verdi aperte al pubblico come parchi e cimiteri, e nelle vicinanze di scuole e strutture sanitarie. In tutto per evitare un contatto troppo stretto tra queste sostanze e le persone. Lo prevede un provvedimento approvato questa mattina dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Agricoltura Giuseppe Pan, che mira a istituire un “protocollo tecnico e un regolamento” adottabili da “tutti i Comuni del Veneto”.

Tra due settimane regolamento e protocollo tecnico saranno pubblicati sul Bur (Bollettino Ufficiale della Regione Veneto) e saranno quindi applicabili, permettendo un miglior monitoraggio “dell’utilizzo dei prodotti fitosanitari da parte delle amministrazioni comunali”, e maggiori garanzie “sulla qualità della vita e dell’ambiente”. “Siamo i primi in Italia a formulare una proposta di questo genere”, commenta l’assessore Pan, evidenziando che il provvedimento “consente di applicare la disciplina del Piano nazionale Fitofarmaci”. Prossimamente, conclude Pan, la Regione predisporrà anche “misure specifiche per le aree rurali, i vigneti e le colture specializzate”, con l’obiettivo di “sviluppare e sostenere, attraverso la costituzione di un tavolo di lavoro ad hoc, le pratiche di agricoltura biologica e integrata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»