hamburger menu

Rivoluzione passi carrai a Bologna: con il tram 50 avranno il semaforo

I passi carrai che si trovano sul percorso del tram saranno attrezzati con una lanterna semaforica che stopperà l'uscita quando il mezzo è in arrivo

semaforo

BOLOGNA – Con la realizzazione del tram non solo tutti gli incroci a rischio e gli attraversamenti pedonali saranno semaforizzati “per ragioni di sicurezza”. Una piccola rivoluzione avverrà anche sui passi carrai che attraverseranno il percorso della tranvia. Quelli che immetteranno sul percorso del tram in modo da intralciare potenzialmente il percorso dei mezzi “saranno attrezzati con una apposita lanterna semaforica, che diventerà rossa solo nei momenti di passaggio del tram, mentre per il resto del tempo sarà verde, consentendo il passaggio”. Saranno una cinquantina i passi carrai che saranno attrezzati in questo modo solo sul percorso della linea rossa, la prima a venire realizzata. Il dettaglio è stato fornito oggi al question time dall’assessore comunale alla Mobilità Valentina Orioli, nella risposta letta in aula dalla vicesindaco Emily Clancy.

PREVISTA RIDUZIONE DEL BUS E DEL TRAFFICO IN CITTÀ

Orioli ha confermato, di fronte alle perplessità di Nicola Stanzani (Forza Italia), che col tram è prevista una riduzione del traffico in città. Intanto “ci sarà una riduzione molto significativa del passaggio dei bus sulle direttrici servite dal tram”, visto che l’intera rete dei bus verrà riorganizzata.

Per quanto riguarda il traffico privato, ci sarà una “redistribuzione” dei flussi per via delle modifiche alla circolazione che si renderanno necessari. “Ma gli impatti, valutati negli studi ambientali che hanno accompagnato il progetto, rientrano comunque nei limiti normativi”, assicura ancora Orioli. Tutt’altro che convinto però Stanzani: “non vorremmo che l’obiettivo di ridurre il traffico venisse ‘toppato’, creando più problemi di quelli attuali sull’inquinamento”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-01T17:30:13+02:00