Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rai, nuovo scontro nel governo: M5S chiede lo stop alla nomina di Maria Giovanna Maglie

ROMA - Dopo lo scontro sulla Tav, è la Rai ad aprire un nuovo fronte di conflitto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo lo scontro sulla Tav, è la Rai ad aprire un nuovo fronte di conflitto nell’alleanza di governo tra M5S e Lega.

Il Movimento 5 stelle, infatti, si schiera contro l’incarico in Rai a Maria Giovanna Maglie, giornalista dalle tendenze sovraniste vicina alla Lega, che dovrebbe condurre una striscia quotidiana dopo il Tg1.

LEGGI ANCHE: Capitan Salvini fa l’ecologista davanti al cantiere Tav

“La Rai che abbiamo sempre voluto e’ un’azienda libera dai raccomandati. La Maglie non ha mai nascosto la sua vicinanza con Craxi. Ci auguriamo percio’ che Salini valuti bene il suo profilo”, attacca su twitter Manuel Tuzi, PortaVoce del MoVimento 5 Stelle.

Contro la giornalista anche Alessandro Amitrano: “Il MoVimento 5 Stelle ha sempre sostenuto che la politica debba rimanere fuori dal servizio pubblico. L’idea di affidare una striscia quotidiana a Maria Giovanna Maglie, che a detta sua fu raccomandata da Craxi, offende i cittadini che pagano il canone”, scrive su Twitter.

Infine Michele Sodano: “Prendere Maria Giovanna Maglie, una che ha ammesso di essere stata raccomandata da Craxi e darle in Rai lo spazio che fu di Enzo Biagi e’ da pazzi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»