Paravati celebra Natuzza Evolo, eventi 1 e 11 novembre

ROMA – La Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime organizza a novembre due momenti di celebrazione dedicati a Natuzza Evolo, entrambi a Paravati (VV). L’1 novembre, anniversario del Pio Transito di Mamma Natuzza, ci sara’ la celebrazione della Santa Messa nel piazzale della Villa della Gioia; l’11 novembre la processione dell’Effige del Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime per le vie del paese, a cui seguirà un momento di preghiera mariana e poi una celebrazione della Santa Eucarestia nel piazzale della Villa della Gioia.
Ne ha parlato all’agenzia Dire il presidente della Fondazione, Pasquale Anastasi: “L’anniversario della morte di Natuzza si celebrerà con una messa nel piazzale della Fondazione a cura del vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, monsignor Luigi Renzo- ha spiegato Anastasi- “poi l’11 novembre si celebrerà l’anniversarivo dell’arrivo della statua della Madonna Maria Immacolata Rifugio delle Anime, con cui Natuzza comunicava negli anni dell’apparizione. Si tratta di un appuntamento molto sentito, ogni anno arrivano oltre 20mila persone”.

Con questi momenti di celebrazione la Fondazione punta non solo a commemorare la mistica ma soprattutto a far conoscere la sua storia che, come racconta Anastasi, “ha fedeli da Sydney a New York, da Toronto ad Adelaide. Natuzza ha dedicato la propria vita ai bisognosi, ai malati, ai giovani, rappresentando per loro un punto di riferimento non solo in Italia ma in tutto il mondo”. La fondazione Cuore Immacolato di Maria del Rifugio porta avanti i valori dell’opera di Natuzza: “I nostri scopi non sono solo religiosi- ha raccontato Anastasi- perchè lo statuto prevede anche attività di carattere sociale, di formazione. Abbiamo una casa di riposo e siamo in attesa di ricevere l’autorizzazione per aprire un centro di riabilitazione e di ricovero per malati terminali secondo le volontà testamentarie da lei lasciate.

Ti potrebbe interessare:

31 Ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»