Le imprese? Vaccarino (Cna): “Hanno problemi con le banche”

ROMA – Le imprese e le banche, le imprese e il credito, le imprese e il Governo: è una panoramica a tutto tondo quella tracciata da Daniele Vaccarino, presidente della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, intervistato dalla DIRE sulle esigenze e le speranze del lavoro imprenditoriale. Ecco cosa ci ha detto.


“IMPRESE HANNO PROBLEMI CON BANCHE” – “Il governatore ha puntato l’indice anche sul fatto che la ripresa è piuttosto modesta e aggiungo io molto a macchia di leopardo rispetto ad alcuni settori” dice Vaccarino sulle considerazioni finali del Governatore Ignazio Visco all’assemblea annuale di Palazzo Koch. Per Vaccarino “Visco ha indicato alcune linee di politica espansiva che noi condividiamo. Dalla ripresa degli investimenti alla diminuzione di tassazioni che gravano fortemente sul sistema delle imprese. C’è un limite nella relazione che noi abbiamo individuato che è quella di una non sufficiente analisi sulle problematiche che le imprese hanno nei confronti delle banche anche per quanto riguarda il credito“. Il sistema delle imprese, sottolinea il presidente della Cna “in particolar modo quelle delle piccole imprese ha forti problemi di credito. Le banche hanno difficoltà a concederlo, alcuni addirittura per non convenienza nel farlo, trattandosi di piccoli importi. D’altra parte con tassi bassi e costi alti il problema c’è, ma noi diciamo che il credito è fondamentale per poter sviluppare un po’ di investimenti all’interno delle nostre imprese”.


BANKITALIA, “MODERATO OTTIMISMO” – “Una relazione per molti aspetti condivisibile, per una nota di moderato ottimismo riguardante l’economia italiana”. “Una relazione- ha continuato – molto concentrata sugli aspetti bancari e sul ruolo di vigilanza che la Banca d’Italia ha svolto”. Un aspetto interessante? “Una certa tranquillizzazione per quanto riguarda la tenuta complessiva del sistema bancario che, in un momento di lieve ripresa, può essere interessante per le imprese”.


PER CNA FONDAMENTALE ABOLIRE IMU IMMOBILI – Assolutamente c”i sono cose sulle quali la CNA sta lavorando con i ministri con i viceministri da parecchio tempo, indicando alcune operazioni fondamentali per poter dare un po’ di fiato alle imprese” dice Daniele Vaccarino, e aggiunge: “Una su tutte è l’abolizione dell’Imu, la tassazione sugli immobili, una tassazione iniqua e noi chiediamo la deducibilità. E devo dire che proprio recenti incontri con i ministri ci hanno in un certo senso dato qualche speranza da questo punto di vista”.

31 Mag 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»