Marche

Insieme da 28 anni, oggi si sono sposati a Pesaro/VIDEO

pesaro_unionicivili

PESARO – Si è appena conclusa la prima unione civile tra persone dello stesso sesso nel Comune di Pesaro. A dire “sì” sono stati il 55enne Fabrizio Cappellutti e il 58enne Pietro Tecchi che sono entrati nella suggestiva cornice di palazzo Gradari accompagnati dalle note di “Con te partirò” di Andrea Bocelli. A officiare la cerimonia il sindaco di Pesaro Matteo Ricci. La coppia sta insieme da 28 anni ma questo è un periodo particolare: Fabrizio Cappellutti è appena uscito da un periodo molto complicato e doloroso perché ha dovuto combattere con una lunga malattia. Ed è ancora in convalescenza. “Questa giornata è un regalo della vita– spiegano alla Dire Fabrizio e Pietro-. Un ritorno alla vita dopo tanta sofferenza e dopo quello che mi è accaduto. La voglio dedicare ai nostri genitori che non ci sono più. L’unico rimpianto che abbiamo”.

Emozionato è apparso anche il sindaco Ricci che dopo aver letto gli articoli del codice civile e sancito l’unione civile tra Fabrizio e Pietro ha espresso la sua soddisfazione. “Una giornata importante per Fabrizio e Pietro ma è una giornata importante per tutta la città- ha detto Ricci- L’emozione di tutti è palpabile. Credo siano momenti importanti per tutto il paese perché grazie alla nuova legge sulle unioni civili finalmente riconosciamo in tutte le sue forme l’amore tra le persone. Per anni abbiamo avuto una legislazione arretrata in materia ora invece la normativa riconosce diritti e doveri ma soprattutto riconosce l’esistenza di un amore. Oggi l’Italia ha fatto un passo in avanti”.

Non è mancato un momento di ilarità durante la cerimonia, quando Ricci ha chiesto a Pietro di pronunciare il sì, e lui ha accettato di malavoglia, ovviamente fingendo. facendo una faccia del tipo “Se proprio lo devo fare…”. Grandi risate tra i presenti, e il sindaco scherzando ha commentato: “Un sì sconsolato”.

di Luca Fabbri, giornalista professionista

29 settembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»