AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

Domani l’arte è di casa a Palazzo Pepoli, e con la nuova card porte aperte sempre/VD

BOLOGNA – Domani 30 gennaio sarà la grande giornata degli eventi ‘off’ di Arte Fiera, con un programma di appuntamenti che si protarrà fino a tarda sera. Anche il Museo della storia di Bologna di Palazzo Pepoli sarà protagonista del tributo che la città rende al salone dell’arte contemporanea nel suo quarantesimo anniversario. Per l’occasione sarà presentata ufficialmente alla città la membership card di Genus Bononaie, una tessera che apre le porte di Genus e grazie alla quale si diventa sostenitori a pieno titolo del progetto.

shot0017(1)La card, in quattro ‘tagli’ dalla Young alla Exclusive, dà diritto ad una serie di vantaggi e benefit esclusivi, a cominciare dall’ingresso gratuito a tutte le mostre che si terranno nei musei di Genus, a cominciare da Palazzo Fava che fino a marzo ospita Guido Reni e i Carracci e prossimamente proporrà una monografica sul pittore americano Edward Hopper. Per il sabato di Arte Fiera, l’ingresso a Palazzo Pepoli sarà gratuito a partire dalle 16 con un’apertura straordinaria del museo fino alla mezzanotte. Il pomeriggio sarà scandito da una serie di iniziative ad hoc, a partire dal laboratorio per bambini, ‘Alla corte dei Pepoli‘: una visita speciale animata dall’intervento teatrale di un personaggio ispirato alla commedia dell’arte, che racconta ai bambini (dai 6 ai 10 anni) com’era la vita dei bolognesi, le tradizioni, gli usi e i costumi. Dalle 17 alle 18, invece, il programma prevede speciali tour al Museo dedicati agli adulti.

Terminata la visita, Palazzo Pepoli propone l’aperitivo con musica e proiezioni ispirate alla rassegna Spritzbook. La giornata si chiude con l’anteprima della seconda edizione della rassegna musicale ArtRock museum: in concerto la cantante, polistrumentista, Beatrice Antolini, già protagonista della prima edizione, e del rapper Claver Gold.

di Vania Vorcelli, giornalista professionista

29 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988