Pd, Cuperlo spinge per l’unità delle minoranze: “Assemblea in autunno”

V.Errani e P.Bersani

V.Errani e P.Bersani

ROMA – “Acceleriamo i tempi, mettiamo insieme le nostre energie nei gruppi parlamentari e in autunno organizziamo una grande assemblea dove migliaia di persone possano riconoscersi, non in una corrente, ma in un disegno politico. C’è un partito da rifondare e un centrosinistra da ricostruire”. Così Gianni Cuperlo, dal palco della riunione delle minoranze Pd, Area riformista e Sinistra dem. “Abbiamo ricette diverse- continua- vogliamo costruire ponti e non steccati e fare patti federativi con chi è fuori da noi”.

Gianni Cuperlo torna sul risultato del Pd alle regionali: “Il segretario ha detto che abbiamo stravinto, io ho rispetto per la propaganda ma serve solo in campagna elettorale, dal giorno dopo non ti fa capire dove sei. Il Partito della nazione ha fallito alle urne e la leadership del Pd dovrebbe attrezzare una strategia diversa, ma appare fragile e in difficoltà”. Le minoranze vogliono indicare la rotta: “Una alleanza con le forze sociali del paese, tocca a una sinistra larga, anche fuori dal Pd, portare il paese fuori dalla crisi”. Infine una stoccata a chi, con una nuova corrente sempre interna al Pd, ha deciso di sostenere il governo: “Chi sceglie di puntellare la strategia politica di questi ultimi mesi sceglie una strada perdente e sbagliata”, conclude Cuperlo.

Alla riunione, tra gli altri, hanno partecipati Pierluigi Bersani, Vasco Errani, Vincenzo Visco, Guglielmo Epifani, Enza Bruno Bossio, Federico Fornaro, Miguel Gotor, Davide Zoggia e Nico Stumpo.

27 Giu 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»