AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Femminicidio, Ferri: Potenziare prevenzione, la scuola è strategica

“Il fenomeno della violenza sulle donne non può essere affrontato unicamente nella sua dimensione punitiva. Proprio per questo motivo la legge ha previsto anche un piano anti-violenza che deve avere come obiettivo l’informazione e la prevenzione della violenza, la promozione dell’uguaglianza di genere nelle scuole, la sensibilizzazione della stampa su come trattare l’argomento, la formazione di operatori in grado di aiutare le persone che hanno subito stalking e maltrattamento e il recupero degli autori delle violenze”. Lo dice Cosimo Maria Ferri, sottosegretario alla Giustizia, intervenendo a Parma al convegno sul tema della violenza di genere organizzato dall’Associazione Italiana Donne Medico.

“Fondamentale- aggiunge- sarà, in questo quadro, la scuola, nella quale potranno trovare spazio momenti di riflessione e approfondimento dedicati ai diritti delle donne, alle dinamiche delle relazioni affettive, all’identificazione degli stereotipi di genere e dei comportamenti prevaricanti e aggressivi. Un ruolo determinante dovrà essere svolto anche dalle forze di polizia, chiamate a comprendere la gravità delle diverse situazioni oggetto di denuncia, distinguendo i semplici litigi presenti in ogni relazione sentimentale dalle condotte che invece meritano una specifica attenzione per prevenire e tutelare effettivamente le donne. E anche per gli operatori di polizia la formazione professionale sarà fondamentale, non potendosi contare solo sulla buona volontà di ciascun operatore. In definitiva la legge approvata rappresenta una risposta concreta e articolata per cercare, se non di risolvere definitivamente, quanto meno di arginare efficacemente un fenomeno, quello del femminicidio, ormai sempre più grave. È’ importante l’iniziativa dell’associazione italiana donne medico organizzata oggi a Parma perché consente di aprire un confronto costruttivo sulla fase di attuazione della legge, non escludendosi ulteriori interventi correttivi e migliorativi. Il Governo sta inoltre lavorando sul recepimento della direttiva europea sulla protezione delle vittime da reato”.

26 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988