Abruzzo

Lavoro, Gerosolimo: “In 30+ priorità anche a Marsica e Val Sangro”

++ LAVORO:DISOCCUPAZIONE GIOVANI SETTEMBRE 29,3%,TOP 2004 ++PESCARA – Si allarga la platea di giovani che possono accedere in via prioritaria all’iniziativa regionale “Progetto integrato Giovani Abruzzo – 30+”, riservato agli under 35 non iscritti al programma Garanzia Giovani. L’assessore alle Politiche del lavoro, Andrea Gerosolimo, ribadisce che nelle aree di crisi o in quei territori interessati dagli aiuti regionali, elementi che il bando indica come prioritari, “rientrano anche l’area Marsica e Val di Sangro“.

   Nella sostanza, spiega Gerosolimo, “come previsto nella delibera adottata dalla Giunta regionale su mia proposta, il bando ’30+’ tendeva a garantire priorità ai giovani e alle aziende operanti nella aree più colpite dalla crisi o in ritardo di sviluppo. In questo senso si è provveduto ad integrare l’elenco dei comuni consentendo lo stesso beneficio anche ad altre aree che con formali deliberati regionali erano state in passato individuate quale aree di crisi”.
   Nella determina che dunque integra l’avviso pubblicato il 16 marzo scorso entrano tutti i comuni della Marsica e della Val di Sangro. L’integrazione formale del bando ha prodotto lo spostamento dei termini per la presentazione delle candidature ad opera dei datori di lavoro privati: le istanze si potranno presentare dal 26 aprile al 27 maggio 2016. Tutte le modifiche e le integrazione del bando “30+” sono riportate sul portale della Regione Abruzzo , sul sito istituzionale del Dipartimento Lavoro www.abruzzolavoro.eu e sul Bura telematico.
   Il Progetto integrato Giovani Abruzzo – 30 prevede, tra gli elementi più interessanti dell’iniziativa, due linee di intervento: realizzazione di esperienze tirocinio formativo extracurriculare di 6 mesi e incentivazioni all’assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato, cumulabili con analoghe iniziative nazionali.
25 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»