Sanità

Un cartone animato per la campagna su donazione degli organi

salvo e gaia organiROMA  – “Tredici anni fa ho avuto una epatite fulminante da farmaco e ho dovuto affrontare un trapianto di fegato d’urgenza”. Lo racconta all’agenzia Dire Emanuela Mazza, ideatrice del cartone animato ‘Salvo e Gaia’, oggi a Roma per la proiezione al cinema The Space Moderno.

Il lavoro firmato da Mazza rientra nell’ambito della Campagna Nazionale di Comunicazione su Donazione e Trapianto di Organi Tessuti e Cellule promossa dal Ministero della Salute in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti e le Associazioni di Settore.

“All’epoca – dice Mazza – avevo quattro figli piccoli e ovviamente quando hanno provato a spiegare loro cosa stesse accadendo hanno fatto fatica a comprendere cosa fosse. All’epoca non se ne parlava molto. Quindi quando sono tornata a casa e sono guarita, mi sono posta come obiettivo quello di fare educazione sulla donazione degli organi ai bambini e così ho pensato ad un cartone animato”. Il cartone animato, chiarisce Emanuela, è stato realizzato in collaborazione con l’associazione ‘Amici del trapianto di fegato’, “che io presiedo e che ha sede al policlinico Gemelli, e per fortuna in questi sette anni, la perseveranza del Centro Nazionale Trapianti, che ha creduto in questo progetto, lo ha reso un progetto nazionale facendolo arrivare a tutti i bambini”.

23 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»