AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Accordo associazione con Ue, Renzi: “Nuovo slancio a negoziato”

SAN MARINO – Il negoziato con l’Unione europea riparte con nuovo impulso, metodo e protagonisti. Nicola Renzi, segretario di Stato per gli Affari esteri, al termine dei lavori del congresso di Stato di oggi, nell’appuntamento con la stampa, annuncia l’adozione, avvenuta al tavolo dell’esecutivo, di una sua delibera sulla composizione del gruppo tecnico incaricato a portare avanti la negoziazione per l’accordo di associazione con l’Unione europea e non solo. “Il tavolo tecnico è infatti scaduto con la vecchia legislatura– spiega Renzi- lo individuiamo con persone diverse, rappresentanti di ogni Dipartimento” e, novità rispetto al passato, “potrà avvalersi del supporto del Tribunale e di Banca centrale”. Rinnovato il tavolo tecnico, la delibera menziona gli altri soggetti incaricati a seguire la partita Titano-Ue: la Direzione Affari europei del Dipartimento Affari esteri e la Missione permanente a Bruxelles, già impegnate su questo fronte. Infine va a istituire un nuovo soggetto, il “gruppo consultivo permanente“, costituito dai rappresentanti e delegati delle associazioni sociali e di categoria, a cui va esteso il confronto sul negoziato “in modo metodico- chiarisce Renzi- su documenti e cadenze precise”. In questo modo “le parti sociali e le associazioni di categoria- spiega- potranno essere messe al corrente dello stato del negoziato, fare proposte e dare suggerimenti”.

Non è “un discarico di responsabilità dell’amministrazione- puntualizza poi- ma un farsi carico di un confronto che richiederà anche tempi di lavoro maggiori”. Con l’individuazione degli attori principali del negoziato- quindi tavolo tecnico, missione a Bruxelles, gruppo consultivo permanente e Direzione affari esteri- si hanno “quattro organismi che rappresentano il giusto mix tra Pa, istanze delle categorie e istanze sociali“, sottolinea il segretario di Stato, nel lanciare poi l’auspicio che “possano lavorare insieme nell’interesse esclusivo della Repubblica”. E ancora, il segretario di Stato assicura il suo impegno per tenere aggiornata la Commissione esteri sul negoziato “affinché anche il coinvolgimento delle forze politiche sia complessivo e totale”. Infine, Renzi evidenzia quindi che “a soli 20-25 giorni dall’insediamento” San Marino è pronto a partire “con slancio nuovo rispetto al passato” sul negoziato con l’Unione Europea.

23 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram