A Napoli candeline in musica per Una canzone di Pace

ROMA – A Napoli Una Canzone di Pace festeggia i suoi 15 anni. L’evento musicale che chiude ogni anno le attivita’ sociali dell’associazione partenopea Scuola di Pace si terra’ il 24 maggio a partire dalle 18,30 presso l’Auditorium di Scampia. Tra i protagonisti dello spettacolo organizzato per l’occasione, Tarall&Wine (duo composto da Dario Sansone Foja, e Claudio Gnut), la band Isole Minori Settime (che ricordano la band romana Cappello a Cilindro), il rapper newpolitano Tueff, il laboratorio musicale del centro riabilitativo psichiatrico Gatta Blu e la Rete Co’Mar laboratorio musicale dell’associazione e collettivo musicale napoletano.

Oltre la musica, temi al centro dell’evento saranno quelli della non violenza e dell’integrazione sociale, ancora di piu’ quest’anno, perche’ la manifestazione sara’ occasione di racconto al pubblico di due progetti molti importanti, realizzati dai laboratori artistici dell’associazione e portati in giro per l’Italia a promuovere la missione di pace e fratellanza di cui la Scuola di Pace si fa portavoce da 25 anni. Il progetto Criature in Tour nelle carceri della Campania del Delirio Creativo e La Citta’ Interculturale, laboratorio musicale per immigrati. Entrambi tasselli importanti per il progetto sociale della Scuola di Pace.

L’associazione, presieduta da Corrado Maffia, e’ una realta’ affermata tra i soggetti no profit della citta’ di Napoli conosciuta in particolar modo per la Scuola d’Italiano per immigrati che ospita ogni anno circa 200 allievi divisi in 11 classi, seguiti da oltre 30 volontari. Nel corso dell’evento saranno proiettati i video delle tappe di Criature e verra’ presentato il gruppo musicale che sta nascendo all’interno de La Citta’ Interculturale. All’esterno dell’Auditorium sara’ allestito il Mercatino di Pace, per giovani artigiani e imprenditori, un’area dove sara’ possibile esporre prodotti di ogni tipo gratuitamente.

22 Maggio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»