Banca Etruria, Ghizzoni dà ragione a Boschi? Ecco l'estratto del libro 'incriminato' di De Bortoli - DIRE.it

Politica

Banca Etruria, Ghizzoni dà ragione a Boschi? Ecco l’estratto del libro ‘incriminato’ di De Bortoli

ROMA – Silenzio, parla Ghizzoni: l’ex ad di Unicredit è stato audito questa mattina in commissione parlamentare sulle banche, per fare chiarezza sulle presunte pressioni dell’ex ministra Maria Elena Boschi sul caso Banca Etruria. L’attesa era alta, un ‘d-day’ utile per chiarire anche le rivelazioni scritte da Ferruccio De Bortoli nel suo libro ‘Poteri forti (o quasi)’, che hanno portato l’allora ex ministro delle riforme ad annunciare una causa civile contro l’ex direttore del Corriere della Sera.

“Ghizzoni smentisce De Bortoli”, è la voce unica che si alza dalle fila dem appena l’ex ad di Unicredit parla in commissione. E mentre il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi esulta su twitter (“Lo dico da avvocato e da cittadino, oggi De Bortoli ha perso la causa”), anche Maria Elena Boschi canta vittoria: “Per me le parole di Ghizzoni sono molto preziose per la causa civile nei confronti del dottor De Bortoli“.

Secondo la Boschi, De Bortoli “per lanciare il suo libro ha raccontato il fatto in modo volutamente distorto” ma tutte le audizione “confermano che non c’è stata nessuna pressione”. La verità, quindi, è stata ristabilita “e non vedo l’ora che venga sancita da un Tribunale della Repubblica“, aggiunge Boschi.

Ma cosa ha scritto realmente Ferruccio De Bortoli nel suo libro?

Nell’estratto, che proponiamo qui di seguito, si legge chiaramente come non ci sia alcun riferimento a presunte “pressioni”. A ribadirlo è lo stesso De Bortoli che “ringrazia” Ghizzoni per “aver confermato la richiesta dell’allora ministra Maria Elena Boschi di valutare una possibile acquisizione di Banca Etruria” e si dice ancora in attesa “dell’azione civile, di cui ho sentito finora parlare, senza aver ricevuto alcun atto”.


20 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»