Referendum, Berlusconi: “A Renzi diciamo no, poi subito al voto”

S. Berlusconi

ROMA – “Il nostro impegno per il ‘No’ è un impegno per cambiare davvero l’Italia. Per restituire la sovranità agli italiani, dopo cinque colpi di stato in poco più di vent’anni, dopo tre governi di seguito che non hanno avuto la fiducia degli italiani. Non dimentichiamolo mai: l’ultimo governo voluto dagli elettori è stato il nostro, nel 2008. Sono passati quasi nove anni. Non per nostra scelta, questo è diventato anche un referendum sul governo Renzi. Il premier cercava attraverso questa consultazione popolare quella legittimazione che non ha mai avuto dalle urne. Una ragione di più per dire ‘No’ a un governo che ha fallito, e per chiedere che dopo il ‘No’, con una legge elettorale diversa, si ridia la parola agli italiani“. Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, lo dice in un messaggio inviato al coordinatore di Forza Italia in Abruzzo, Nazario Pagano, in occasione della manifestazione di oggi a Pescara sulle ragioni del No al referendum costituzionale.

20 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»