Milano, autista blocca scuolabus con 51 studenti e appicca il fuoco: “Basta stragi nel Mediterraneo”

Interviene anche il ministro dell'Interno Salvini: "Voglio vederci chiaro: perché una persona con precedenti guidava un pullman per il trasporto di ragazzini?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’autista di uno scuolabus ha sequestrato 51 bambini di una scuola media di Crema, si è diretto verso Milano, e, raggiunto dai Carabinieri allertati dai genitori di uno degli alunni, ha dato alle fiamme il mezzo proprio mentre i 51 stavano scendendo. 

Nessun ferito grave, ma diversi di loro sono rimasti intossicati

A quanto si apprende, l’uomo è un 47enne italiano di origini senegalesi con precedenti penali.

Una volta raggiunto dai Carabinieri, l’uomo ha cosparso il mezzo di benzina e gli ha dato fuoco con un accendino, riporta Sky Tg24, mentre i militari hanno messo in salvo studenti e professori entrando dalla porta posteriore e rompendo i finestrini. Prima di appiccare il fuoco ha annunciato di volersi uccidere: “Voglio farla finita, vanno fermate le morti nel Mediterraneo”.

LA REAZIONE DI SALVINI: VOGLIO VEDERCI CHIARO

“In questo momento le Forze dell’Ordine stanno perquisendo la sua abitazione. Voglio vederci chiaro: perché una persona con simili precedenti guidava un pullman per il trasporto di ragazzini?“, ha twittato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

“Sono in contatto da stamattina per cercare di capire”, pare che l’autista senegalese “abbia precedenti anche per guida in stato di ebrezza, non era una persona tranquilla”, ha poi detto ai cronisti, arrivando a Palazzo Chigi per il Consiglio dei Ministri.

IL PREFETTO: TUTTI I RAGAZZI STANNO BENE

“Da quel che ho saputo si tratta di un cittadino italiano di origine senegalese”, spiega il prefetto di Milano Renato Saccone, parlando con i cronisti a margine di una conferenza stampa su un piano per la sicurezza cittadina, precisando che “sia l’accompagnatrice scolastica che i 51 ragazzi di seconda media stanno bene”.

Al momento, precisa il prefetto, “l’autista che ha compiuto questo gesto criminale si trova presso una stazione dei Carabinieri e il procuratore Greco che era qui con noi, è andato lì per interrogarlo”.

“L’importante- conclude- è che non ci siano state conseguenze per nessuno e che adesso saranno approfondite tutte le indagini per capire le motivazioni del gesto”.

DI MAIO: EVITATA STRAGE GRAZIE A CARABINIERI

“Un uomo oggi ha dirottato un bus pieno di bambini, legandoli uno ad uno con delle fascette da elettricista e poi ha dato fuoco al mezzo. Grazie al cielo la prontezza e il coraggio dei Carabinieri e delle nostre forze di polizia ha fatto in modo che nessuno degli studenti restasse ferito in modo grave”. Così Luigi Di Maio su Facebook.

“Se è stata evitata una strage, è solo grazie a loro, ai nostri Carabinieri, alle donne e agli uomini in uniforme che ogni giorno garantiscono la nostra sicurezza. Il Paese è orgoglioso di voi, io per primo sono orgoglioso di voi. Un abbraccio ai ragazzi coinvolti e alle loro famiglie”.

BUSSETTI: VICINO A RAGAZZI, EPISODIO GRAVISSIMO

“L’episodio di San Donato Milanese è gravissimo e inquietante. Voglio esprimere la mia vicinanza ai ragazzi coinvolti e alle loro famiglie e un profondo ringraziamento alle forze dell’ordine che sono tempestivamente intervenute arrestando il colpevole. Ho attivato il ministero e uno dei miei consiglieri per portare subito il massimo supporto”. Lo scrive su Twitter il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti.

L’attentatore che riempie le taniche di benzina in un distributore:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»