Giubileo, Zingaretti inaugura il nuovo Pronto soccorso dell'Ospedale Pertini di Roma - DIRE.it

Lazio

Giubileo, Zingaretti inaugura il nuovo Pronto soccorso dell’Ospedale Pertini di Roma

zingaretti pertiniROMA – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inaugurato stamani il Pronto soccorso dell’ospedale Pertini di Roma, rimesso a nuovo con i fondi stanziati dalla Regione in occasione del Giubileo. In questo caso i fondi disponibili sono stati 1,8 milioni, di cui 470 mila euro per i lavori e 1,3 milioni per le attrezzature. “La ristrutturazione è partita proprio da una nuova Holding Area dove c’è stato un incremento di circa 100 metri cubi rispetto alla precedente Area di Definizione Diagnostica- ha spiegato il direttore generale dell’Asl RmB, Vitaliano De Salazar- In questo modo da oggi è possibile assistere un numero doppio di pazienti, e infatti si è passati da 10 a 19 postazioni assistite. L’open space consente inoltre di garantire una migliore e più efficiente organizzazione del lavoro, con un conseguente decongestionamento del Pronto Soccorso, che ogni anno registra circa 70 mila accessi”.

Sono stati completamente rimessi a nuovo anche i servizi igienici dove è garantito l’accesso ai disabili. Particolare attenzione è stata posta alla privacy del paziente grazie all’installazione di idonei sistemi mobili di separazione tra le singole postazioni. I percorsi sono stati finalmente differenziati per funzione in modo da scongiurare l’affollamento dei pazienti in attesa di ricovero e dei loro parenti nelle aree destinate ai codici rossi.

zingaretti pertini1

“Oggi e’ una giornata importante per il Pertini, ma anche per la citta’. Dopo Monterotondo questa e’ la prima inaugurazione dei Pronto soccorso ristrutturati a Roma per il Giubileo- ha detto Zingaretti- Quest’area raddoppia le opportunita’ e confermo che ci sara’ più personale; 13 assunti a tempo determinato”.

19 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»